Un uomo che legge e la donna che invoglia il verginello

Ogni tanto torna fuori la favoletta che “Un uomo che legge ne vale due”. Ci avevan fatto pure dei poster anni fa. Un uomo che legge ne vale due, dicevano, appunto; e tutti a sospirare, che era un bel pensiero, a dire di sì con la capoccia. Quant’è vero, dicevano. Quant’è vero si dice ancora.

A me sembra una stronzata. Grande poi. Adesso non è che mi metto a fare l’appello delle teste di cazzo che conosco e che sono gran lettori o di quelli che stimo e che invece non sfogliano manco il calendario, però ognuno faccia un conto con quello che gli capita intorno, poi magari mi dite. Il problema, se vogliamo, non è nemmeno solo che la frase è altezzosa, che vuole marcare un bel segno tra i buoni e i cattivi, ma, secondo me, è che la frase è pure dannosa.

Hai mai sentito di una donna che invoglia un verginello chiamandolo pisello moscio? E’ la tua prima volta pisello moscio?

Si invoglia qualcuno a leggere dicendogli Per te che non capisci un cazzo iniziamo a colorare dentro i bordi? Oppure: Oggi ti leggi Musil poi ne parliamo?

Annunci
Contrassegnato da tag , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: