Piacerini

Tra i piaceri sottili che si provano a non lavorare più in libreria, per un certo tipo di clienti, per molti clienti, a dire il vero, c’è quello di non doversi sentire dietro le richieste del momento. Il libro-film o film-libro, Il libro del famoso appena morto, le scie chimiche dei libri che seguono quello di successo nello stesso genere, nel titolo simile, nel contenuto simile, nel curriculum dello scrittore.

Soprattutto, direi, il bello è di non doversene curare più. Proprio per niente. Ignorarne le storie e anche l’esistenza. Sapere che esistono ma fregarsene completamente, che sono lì davanti, all’ingresso, ma continuare a campare da lettore, tirando dritto.

Annunci
Contrassegnato da tag ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: