Niente da fare

Oggi, in almeno un paio di occasioni, mentre ero fuori e in mezzo alla gente mi sono suggerito di sorridere un attimo. Tentativi di distendermi, anche se non ce n’era mica motivo, nel senso che non ero agitato, nervoso o altro. Soltanto che mi conosco abbastanza bene per sapere che anche quando sono tranquillo, in coda alla cassa, ho su la faccia di uno in travaglio da 18ore.
Poi sono tornato a casa e la serata non poteva che prendere una buona piega, mi sono detto. Avevo una bottiglia di bianco in frigo, dei gamberoni da cuocere in un risotto improvvisato con un paio di ingredienti in più, e avevamo anche due gratta e vinci da 3 euro sul caminetto.

Sono tornato, dicevo. I gratta e vinci sono finiti nel caminetto e il risotto faceva schifo. Nonostante la buona volontà faceva schifo. Sono mancate tecnica e fantasia. Cioè tutto. Il vino faceva schifo pure quello, che non è stato utile nemmeno a far presentire un lieve stato d’ebbrezza nei quattro passi tra la sedia e il divano. E l’avevo pagato manco poco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: