Libro

C’è un libro che sto leggendo e mi piace molto. È un libro che fa venir voglia di leggere e di scrivere di più, e di andare in America. Si intitola “Non è un mestiere per scrittori”, lo ha scritto Giulio D’Antona e l’ha pubblicato minimum fax. Comunque sia, anche se non vuoi fare lo scrittore qualche buono spunto per accendere il cervello lo trovi lo stesso.

Certo è che l’argomento, come da titolo, è proprio quello: la scrittura, l’editoria, l’America.  Altrimenti si sarebbe chiamato “La mia gita in America dove mi sono divertito tanto”. Ma il tema è vasto, e credo interessante anche solo a chi si appassioni alla cultura in genere.

E il fatto che non sia una strizzata d’occhio all’America e al famigerato “scrittore emergente” ce lo da con un bell’esempio. Magari anche banale, che però spezza subito le ali a quelli che hanno messo nel mirino una vita tra scrivania, cocktail di festeggiamento, e primi posti in classifica, oppure d’altro lato una vita tra scrivania, riletture, litigate, faticosi approdi nell’editoria, è questo che segue:

“<Come fai>, gli chiedo, <a fronteggiare centinaia di aspiranti scrittori ogni anno, se sai che stanno per immergersi nella nebbia dell’incertezza?>
Mi risponde che la prima cosa che insegna ai suoi studenti è a trovarsi un lavoro.”

dantona

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: